Regolamento Dispositivi Medico-Diagnostici in Vitro IVDR (UE) 2017/746: principali novità

Il Regolamento Dispositivi Medico-Diagnostici in Vitro IVDR (UE) 2017/746, pubblicato il 5 maggio 2017, è entrato in vigore il 26 maggio 2017. Stabilisce norme e requisiti per l’immissione sul mercato, la messa a disposizione e la messa in servizio dei dispositivi medico-diagnostici in vitro a partire dal 26 maggio 2022.

L’ IVDR sostituisce l’attuale direttiva 98/79/CE.

I nuovi requisiti sono numerosi e innovativi ed è necessario organizzare fin da subito le azioni essenziali per non farsi trovare impreparati al momento della piena applicazione dell’IVDR (UE) 2017/746.

Regolamento Dispositivi Medico-Diagnostici in Vitro IVDR (UE) 2017/746 principali novità
Regolamento Dispositivi Medico-Diagnostici in Vitro
IVDR (UE) 2017/746: principali novità

IVDR (UE) 2017/746: cosa devono fare i Fabbricanti di Dispositivi Medico-Diagnostici in Vitro?

Di seguito, i 6 aspetti più sfidanti nell’implementazione del Regolamento da considerare per una corretta implementazione dello stesso:

  1. Espansione applicabilità. 
    Nell’ IVDR (UE) 2017/746 l’ambito di applicazione degli IVD viene esteso per includere servizi diagnostici, i test genetici e altri test che forniscono informazioni sulla predisposizione dei pazienti a sviluppare una malattia o sulla sensibilità a una terapia medica.

  2. Ri-classificazione dei dispositivi in ​​base al rischio e intervento degli Organismi Notificati. 
    L’ IVDR (UE) 2017/746 prevede nuove regole di classificazione degli IVD in base al loro grado di rischio (Classe A per i dispositivi a basso rischio, Classe D per i dispositivi ad alto rischio). Circa il 90% degli IVD, per i quali al momento è prevista l’ “autocertificazione”, dovranno essere ri-classificati in base al Regolamento IVDR e richiederanno inoltre la certificazione di un Organismo Notificato, in un contesto di controllo più severo e rigoroso.

  3. Più documentazione.
    L’ IVDR (UE) 2017/746 richiede più formalizzazione di contenuti e informazioni più dettagliate per la documentazione tecnica e per dimostrare la conformità di un dispositivo.

  4. Persona Responsabile.
    I Fabbricanti devono nominare almeno una Persona Responsabile della Conformità alla Regolamentazione, avente ruolo, mansioni e requisiti minimi ben definiti.

  5. Identificazione Univoca del Dispositivo (UDI).
    Il codice univoco permette di migliorare la tracciabilità dei dispositivi e di rendere più veloce ed efficiente un eventuale richiamo dei prodotti per i quali si siano individuati dei rischi per la sicurezza.

  6. Valutazione delle Prestazioni (VdP).
    Il Fabbricante, per documentare in modo continuativo la valutazione delle prestazioni, deve creare e aggiornare un piano VdP che specifichi le caratteristiche e le prestazioni del dispositivo, nonché il processo e i criteri applicati per generare le evidenze cliniche necessarie. Il Report di Valutazione delle Prestazioni contiene dati supportati e sufficienti al fine di dimostrare la validità scientifica, le prestazioni analitiche e le prestazioni cliniche del dispositivo. Inoltre è necessario implementare il Post-Market Performance Follow-up (PMPF), un processo continuo di Valutazione delle Prestazioni per poterle aggiornare continuamente durante l’intero ciclo di vita del prodotto.

Vuoi prepararti al meglio per essere pronto al 26 maggio 2022?

Affidati ai consulenti Thema!

Grazie a una effettiva esperienza sul campo, il nostro team di esperti può supportarti nella fase di preparazione all’ IVDR (UE) 2017/746 per avviare, fin da subito, le azioni necessarie in modo tale da essere pronto entro il 26 maggio 2022, data di applicazione dell’IVDR.

Non attendere oltre. C’è tanto da fare. Ancora per te qui di seguito i 5 step fondamentali per implementare una strategia regolatoria di approccio al Regolamento efficace e tempestiva.

  1. Fai un Gap Analysis accurata.
  2. Verifica le nuove regole di classificazione.
  3. Intervieni su Documentazione Tecnica e Sistema di Gestione della Qualità.
  4. Rivedi il labelling dei prodotti.
  5. Prepara il tuo Piano Post-market.

Consulta la nostra sezione FAQ! Troverai le risposte alle domande più frequenti relative al Regolamento IVDR (UE) 2017/746.